Tizen si fonderà con Bada: parola di JK Shin

11 Ottobre 2012 6


E' ancora Mr. JK Shin che si lascia sfuggire importanti dichiarazioni sul futuro di Samsung. Come sappiamo oggi il gigante coreano sta puntando su tre sistemi operativi: Android, il principale e quello sul quale ci sono i maggiori investimenti; Windows Phone 8 e Windows 8 che sono pronto ad offrire novità importanti nel mercato; Bada che ormai sembra un progetto in declino. Proprio da Bada partiamo in quanto il sistema Tizen, tanto chiaccherato nei mesi scorsi, sembra ormai in stadio avanzato sebbene sia sempre in versione Alpha denominata Magnolia 2.0. Tizen e Bada convergeranno e in pratica Bada verrà soppiantato da Tizen entro il 2013. I terminali ad oggi presenti sul mercato con Bada difficilmente riceveranno aggiornamenti, ma quello che sembra sicuro è che Samsung non commercializzerà altri device Bada aspettando il bedutto di Tizen e lanciando quindi il nuovo sistema operativo con nuovi smartphone che comunque non dovrebbero essere, almeno inizialmente, dei top gamma assoluti. Appuntamento dunque per il 2013 sperando che non sia un MeeGo 2...

via

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone 8 Plus, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 670 euro oppure da Amazon a 732 euro.

6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
giangio87

meego anche se abbandonato da nokia rimane comunque ampiamente supportato dalla community

fedeistheone

era prevedibile

baldanx

Il titolo è sbagliato dovrebbe essere: "Tizen affonderà con bada: parola di JK Shin" :)

Niccolò Tacconi

io la penso una via di mezzo tra voi due .. :D
cioè secondo me era PREVEDIBILISSIMO che Tizen e Bada si sarebbero fusi per varie ragioni:
1) Tizen somiglia molto a Bada graficamente, quindi era ipotizzabile che volesse soppiantare lo stesso senza creare un "trauma" troppo grande agli utilizzatori
2) Tizen è basato su Linux come Bada, quindi leggere sopra
3) Samsung NON PUO' oggettivamente seguire bene 4 os: Android, WP, Tizen e Bada..ovviamente Bada è quello che richiede più "risorse" economiche, essendo utilizzato SOLO da Samsung..mentre le altre piattaforme sono sviluppate alla fine da case importanti (Google, Microsoft, Intel)..

alla fine penso anche io che sia meglio così ma non perchè "meno os ci sono meglio è" anzi..ma solo per il fatto che alla fine, sono 2 os molto simili..sinceramente pensavo che anche MeeGo sarebbe entrato a far parte di Tizen e nonostante Jolla, ancora penso sia un passo possibile..infondo vorrebbe solo dire che Jolla non dovrà sviluppare DA SOLA MeeGo (con quello che può derivarne in termini di apps) e si potrà comunque concentrare sullo sfornare SOLO prodotti Tizen..vedremo un pò!

OpenWebOs dove sei?????????????????? una fusione con Tizen non è ipotizzabile (non c'entra nulla proprio) ma magari ci si poteva pensare prima di fare B2G..ancora però le speranze non devono andar perse!
se non dovranno più uscire devices "PURE WEBOS" spero che anche questo OS venga "fuso" con qualcosa di più utilizzabile e ripreso da un produttore serio!
(BB10 - B2G possibili fusioni??)

_M[4]uR[1]n[0]_

Mah.. io sinceramente sono più contento così.. Come so dice? Pochi ma buoni.. (parliamo di so xk di smartphone samsung ne farà sempre una trentina annui)

Fabio Agazzi

Era da aspettarselo, comunque complimenti Samsung, e come diceva zio Ben: Da grandi poteri derivano grandi responsabilità. Una multinazionale come Samsung non può fare così, Bada ormai l'avevano lanciato ed era giusto che lo supportassero almeno per avere dei terminali con un sistema operativo stabile. invece neanche un'altro aggiornamento. CLAP CLAP CLAP...

Samsung Q900R: 4 QLED TV 8K Full LED con AI e HDR10+ | Video

Samsung Galaxy Note 9 ufficiale: caratteristiche, prezzo e disponibilità | Video e Unboxing

Recensione QLED TV Samsung QE65Q9FN, nero profondo e ideale per i videogiochi

Samsung QLED TV 2018: le principali novità nella nostra anteprima | Video