Anche Samsung smetterà di produrre smartphone in Corea del Sud

06 Maggio 2019 140

Samsung si prepara a dire addio alla Corea del Sud, almeno per quanto riguarda la produzione dei suoi smartphone. Ebbene si, al pari di quanto già pianificato da LG, anche la casa delle Tre Stelle non intende più portare avanti la produzione di alcuni dei suoi dispositivi in patria, preferendo delocalizzare anche quel poco che veniva ancora realizzato in Corea del Sud.

Manca ancora l'ufficialità, ma secondo fonti molto ben informate, pare che Samsung al momento produca circa 20 milioni di smartphone nelle sue fabbriche coreane - in netto calo rispetto ai 60 milioni che venivano sfornati solo 10 anni fa -, a fonte di una produzione globale di circa 300 milioni di pezzi. Si parla quindi di poco più del 6% del totale, una cifra bassa ma non per questo trascurabile.

L'obiettivo di Samsung è infatti quello di abbattere ulteriormente i costi di produzione, andando ad operare esclusivamente in quei Paesi in grado di risultare estremamente competitivi sotto questo punto di vista. La lista include il Brasile, l'India, l'Indonesia e il Vietnam; nei primi due casi si tratta di scelte quasi obbligate, dato che entrambi agevolano fortemente le aziende che producono sul loro territorio e - allo stesso tempo - penalizzano l'elettronica di importazione con dazi e tassazioni importanti.

Il Vietnam, invece, rappresenta uno dei mercati in cui la manodopera è meno costosa ed è proprio qui che viene prodotta più della metà degli smartphone Samsung che sono poi venduti in tutti i paesi del mondo. Per dare un'idea di quanto sia basso il costo del lavoro, basti pensare al fatto che la paga minima di un operaio varia da 126 a 180 dollari al mese, stando ai dati delle autorità locali. A fronte di queste cifre, è facile capire il perché dell'abbandono della Corea del Sud; una mossa perfetta dal punto di vista aziendale, ma forse solo da quello.

Lo smartphone 5G per tutti? Motorola Moto G 5G Plus, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 191 euro oppure da ePrice a 306 euro.

140

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Che grosso problema eh?

Roberto

Oh no accedenti!

Francesco Renato

Sarebbe opportuno che tu evitassi l'equivoco di confondere la colonizzazione in senso stretto, fenomeno storico ormai morto e sepolto, con la colonizzazione in senso lato riferita agli investimenti fatti da uno stato in un altro stato per fini politici di controllo.

Francesco Renato

D'accordo, ma se il sistema economico richiederà una maggiore professionalità saremo pronti, oggi il vero problema dell'economia italiana non è la mancanza di lavoratori qualificati ma la incapacità degli imprenditori italiana a passare a produzioni ad alto valore aggiunto, insomma i nostri industriali sanno solo produrre scarpe e calze.

Bertuccio

dimentichi che storicamente alcuni di quei paesi stavano benissimo prima che certi stati iniziassero ad "investire". D'altra parte se non fossero stati ricchi di risorse nessuno avrebbe avuto interesse a colonizzarli se non per fini propagandistici (vedi Etiopia ed Albania)

Bertuccio

livello più basso rispetto al titolo di studio perché, come già evidenziato da alcuni studi americani sull'argomento risalenti agli anni 90, per vari motivi si tende a costringere ad ottenere una cultura "istituzionale" superiore un numero troppo grande di persone rispetto alla richiesta che un certo sistema economico ha di ruoli specifici, il che produce svariati effetti negativi

Francesco Renato

Dimentichi il turnover, ogni anno vanno in pensione i lavoratori più vecchi e vengono sostituiti da giovani lavoratori con una professionalità più elevata, tieni anche presente che oggi la maggior parte dei lavoratori italiani occupa posti di livello più basso rispetto al titolo di studio, quindi con una accorta politica industriale pluriennale è possibile risolvere il problema.

Francesco Renato

Bisogna capire che aiutare non significa fare la carità ma investire in quei paesi, è chiaro che possono investire all'estero quei paesi che hanno disponibilità finanziarie come la Cina, che finanzia gli USA e investe anche nei paesi africani, è altrettanto chiaro che l'Italia non conta nulla perché lo stato ha un debito pubblico enorme e una classe dirigente incapace che si conserva grazie alla corruzione.

Bertuccio

evidentemente erano felici di farsi colonizzare. Forse che ci sia un nesso fra lo sfruttamento coloniale e la necessità odierna di "aiutarli a casa loro" (con che mezzi mi piacerebbe saperlo) ?

Francesco Renato

Fare i soldi non è negativo di per sé, è negativo solo se si usa la violenza, l'idea che la colonizzazione sia stata un fenomeno negativo si riferisce solo agli aspetti violenti e autoritari della colonizzazione.

Bertuccio

il colonialismo non è stato negativo solo per chi ci ha fatto i soldi. Il resto è revisionismo secondo me

Francesco Renato

Perché parli di "distorsione di matrice ideologica" e non semplicemente di 2 facce della stessa medaglia, una negativa e l'altra positiva? Il colonialismo di per sé non è stato un fenomeno negativo in quanto ha consentito a civiltà più arretrate di entrare in contatto con civiltà più progredite, il lato negativo è stato l'uso della violenza per sottomettere i nativi, violenza usata anche dagli italiani e dai cattolici, ma erano altri tempi e comunque la violenza è purtroppo la regola in natura.

Leo

Cazate

Bertuccio

la colpa del colonialismo prima di tutto è stata di sfruttare intere zone del mondo distruggendo le culture autoctone per soppiantarle con i "valori" occidentali, poi, con tutte le colpe del caso, paragonare il "colonialismo" italiano che è sempre stato in perdita con quelli francese e inglese che, in forme diverse, perdurano tuttora, mi sembra indice o di una scarsa conoscenza del fenomeno o di una distorsione di matrice ideologica.

Il jolly matto

Certo, ma molte aziende da qui portano " agevolazioni " anche al consumatore perchè propongono prezzi finali più bassi dal momento che il loro guadagno ulteriore lo hanno già dal basso costo della manodopera! Questo dico io, invece ci metto le mani sul fuoco che samsung non abbasserà nemmeno 1 euro

Nalin

Si ma se fallisce lo stato in cui risiedi la cosa tocca anche te a livello economico. Ora, non dico di fare protezionismo che non ha senso, ma non ha senso uguale l'opposto.

Nalin

Quindi? Ciò non toglie che il motivo che ha spinto molte aziende ad andare in Cina per produrre fu il personale a costi irrisori.

Top Cat
Francesco Renato

L'unica colpa del colonialismo è stata quella di non aver saputo educare i politici indigeni, ma in questo gli italiani hanno fatto peggio dei francesi e, soprattutto, degli inglesi.

Francesco Renato

Cosa vuoi fare, togliere ai politici africani il potere di farsi corrompere sostituendoli con i nostri da neocolonialisti? La politica è corrotta in tutto il mondo, è normale, se così non fosse avremmo tutti lo stesso reddito e lo stesso stipendio.

Il jolly matto

Su questo non ci piove sicuramente!

Bertuccio

Guarda un po' quando queste cose le facevano gli europei si chiamavano colonialismo

Bertuccio

Potere politico responsabile negli stati africani?

Francesco Renato

Il boom demografico è un danno per l'ecologia, non per l'economia, è tutta forza lavoro da sfruttare... ma a casa sua.

Francesco Renato

Devi capire che il venditore applica sempre il prezzo massimo che il cliente è disposto a pagare, l'unica difesa che hanno i consumatori è non acquistare i prodotti che reputano troppo cari.

Francesco Renato

Il land grabbing non è negativo in sé, i cinesi non comprano mica per lasciare incolto il terreno, lo mettono a profitto grazie ad una organizzazione imprenditoriale che i locali non hanno, naturalmente i padroni tendono ad abusare del loro potere, è compito del potere politico limitare il loro potere sia nei paesi ricchi che in quelli poveri.

Max

Che il baricentro si allontani finalmente dalla Cina...

Questioni Culturali

I note vengono già assemblati in Indonesia e Vietnam da almeno 3 generazioni.

Questioni Culturali

L'emigrazione dall'Africa è in costante aumento perché sono in pieno boom demografico.

Questioni Culturali

È proprio obbligatorio procreare se non si hanno i mezzi necessari a sostenersi?

fla

In Italia dovrebbero metterci un 40%di dazio Forse una fabbrichetta lla farebbero anche da noi. Mivar gliela offre gratis.

Il jolly matto

E intanto se dovessero mantenere sempre gli stessi alti listini il peggio è di chi compra come al solito! Potrebbero benissimo ridurre il prezzo finale visto che ci guadagnano in costi di manodopera ma sono sicuro che non abbasseranno di manco un euro i prezzi

Bertuccio

a me risulta che i cinesi abbiano acquistato tutti i terreni disponibili in molti paesi africani e di fondi per il sociale nemmeno l'ombra. Mai sentito parlare di land grabbing?

Francesco Renato

Aiutare i paesi poveri non significa fare la carità, inviare cjbo durante le carestie, significa investire in quei paesi, portarci capitali sotto forma di fabbriche, strade, ferrovie, porti, acquedotti, scuole, e allora?

Francesco Renato

Guarda che noi abbiamo un sacco di laureati costretti a fare gli operai per l'arretratezza dei nostri imprenditori. Parlare poi di sfruttamento di cina, india e africa è fuori luogo, la divisione del lavoro a livello internazionale è conveniente per tutti perché assicura lo sviluppo economico anche dei paesi poveri, ben venga il giorno in cui il reddito medio sarà uguale in tutti i paesi.

Bertuccio

percentuali?

Bertuccio

sì ma è impossibile far diventare tutti "lavoratori con professionalità elevate", degli altri cosa ne fai, pulizia etnica + darwinismo sociale? A leggere certi commenti sembra di tornare indietro di più di cent'anni

Francesco Renato

Gli ingegneri indiani guadagnano meno degli ingegneri americani in termini di retribuzione nominale in dollari, ma in termini di potere di acquisto guadagnano anche di più dei loro colleghi americani, comunque il problema della equa distribuzione del reddito è diverso da quello della divisione del lavoro.

Francesco Renato

Non esagerare, anche nei paesi del nord europa più progrediti c'è necessariamente una percentuale di operai, non tutti gli operai lavorano in fabbrica, pensa ai netturbini e agli addetti alla manutenzione.

Francesco Renato

La divisione del lavoro è vantaggiosa per tutti perché riduce i costi dei beni nei paesi ricchi e consente lo sviluppo economico dei paesi poveri.

Cerbero

I robot sono piu' ecologici nel ciclo della loro vita rispetto un essere umano. Non dimentichiamoci che buona parte del problema della devastazione ambientale e' dovuta al fatto che....siamo semplicemente in troppi.

Francesco Renato

Si chiama politica industriale, quella che l'Italia non ha, Samsung è da 10 anni che delocalizza con gradualità in modo da sostituire progressivamente i lavoratori meno qualificati con professionalità più elevate.

Francesco Renato

Il numero dei figli è inversamente proporzionale al reddito, diminuirà con il miglioramento del reddito di quei paesi.

Francesco Renato

Guarda che noi abbiamo un sacco di laureati che fanno i fattorini, magari ti portano la pizza a casa, ti sembra un modo intelligente di impiegare il capitale umano?

non è così per forza.

se crei occupazione i disoccupati che ora comprano 0 iniziano a comprare e recuperi dall'iva dei loro acquisti.

Attualmente se va male gli paghi anche il reddito di cittadinanza

Top Cat

In effetti non hanno un cacchio da fare tranne... sopravvivere al vento catabatico, alle orche, alle foche leopardo, al buco nell'ozono...robe così.

Ginomoscerino

allora ci sono i pinguini in groenlandia e al polo sud

Top Cat

Nun se poteee!

Raphael DeLaghetto

Ma se abbassano le tasse hai un buco di bilancio, per non parlare delle ruberie..

Ginomoscerino

c'è ancora tutta l'Africa da industrializzare e sfruttare a basso costo

Samsung One UI 4 con Android 12: vi mostriamo la beta per i Galaxy S21 | VIDEO

Recensione Samsung Galaxy Z Fold3: perché dovreste comprarlo (o no)

Samsung Galaxy Buds 2: c'è (quasi) tutto, parola chiave sobrietà | Recensione

Samsung Galaxy Z Fold 3, Z Flip 3, Watch 4 e Buds 2 ufficiali: disponibilità e prezzi